La nostra Follia

 

 

 

 

 

Ogni momento

senza tregua

ogni istante insieme

anche solo il pensiero

attimi che si espandono

ore intere create dal nulla

fughe vigliacche

 

 giorni rubati per i nostri giorni

 

parole sussurrate

sulle labbra che ascoltano

 

 

 

 

 

 

quando basta un suono familiare

per sentire

brividi

che dal profondo arrivano

alla pelle

e quando le carezze

fanno dimenticare quanto è breve

il tempo

il nostro tempo insieme

 

 

 

 

 

 

fatto di emozioni…

passioni…

tenerezze…

come un dito passato lievemente

per raccogliere

gocce di te…

quando le parole non hanno voce

ma silenzi intensi

che vibrano

 

il cuore ride

il mondo si ferma

occhi dentro gli occhi

ci respiriamo

 

noi.

 

 

 

 

….. … 

 

 

 

 

 

 

Ringrazio Marycla per avermi donato

col cuore

il suo “Grido d’Amore”

 

 

La nostra Folliaultima modifica: 2009-11-19T21:55:02+00:00da bricciole
Reposta per primo quest’articolo

26 pensieri su “La nostra Follia

  1. La sensibilità ai piccoli gesti
    di pelle… di cuore… di anima…
    non deve mancare mai.
    E’ vero, non ci deve essere tregua,
    senza paure che l’amore diventi una gabbia
    Come non deve mancare mai il contatto degli occhi
    e degli sguardi…
    dobbiamo sempre vedere attraverso gli occhi
    di chi amiamo la sincerità.
    Uno sguardo che sfugge
    non porta il bene
    Un pensiero che sfugge non porta amore.
    Solo così, gli attimi saranno momenti a “due”.
    Un tono di voce dice molto
    soprattutto quando sono i brividi,
    quelli che desideriamo sentire.
    La pelle… è qulla parte di confine
    tra le sensazioni che sono dentro e quelle che che
    da una carezza percepiamo.
    Più un amore è forte e più il tempo lo rafforza.
    E poi ci sono loro…
    le emozioni…
    date da quanto di più straordinario
    i nostri occhi possono vedere in chi amiamo
    le passioni…
    quel desiderio irrefrenabile del contatto di pelle
    e di cuore.
    Un dito che sfiora, diventa un brivido.
    Il corpo diventa sensibile…
    in un silenzio animato solo dai sospiri,
    per ascoltare dentro quelle parole che non hanno voce…
    Il mondo…. finalmente…. si è fermato….
    in quel silenzioso…. “Grido d’Amore”
    Molto… molto intensa, Bricciole.
    Volevo ringraziarti per i tuoi passaggi
    sempre gradevoli.
    Ti auguro una serena notte.
    Un abbraccio.
    Cuore

  2. L’amore è davvero meraviglioso, quando c’è, quando è corrisposto e quando ci si viene incontro. Allora è possibile procedere insieme…ciò che hai scritto mi ha fatto pensare alla mia ultima relazione(conclusasi da poco)…tranquilla, non sono triste, vedi…sorrido –> 🙂 Credo di aver provato molte delle sensazioni descritte, e sono contento di questo.
    Grazie e buon weekend,

    fireinmyhands

  3. Qual è la comunità più piccola? La coppia. “Due persone: non è solitudine ma non è neppure moltitudine. E’ dunque Amore ……Due persone di solito legate dall’amore, quel tipo di comunicazione che ha le sue radici nella follia. l’amore è una malattia grave, per fortuna breve. E chi ha ascoltato i discorsi degli innamorati sa che si tratta di deliri: non potrei vivere senza di te, vuoi la luna? mi ami? ma quanto mi ami?”.Ma se l’amore è follia, perché tutti lo cercano?La follia proveniente dal dio, da Eros, è più bella della ragione umana.Nel momento in cui tra due persone si instaura l’amore, si compie una a-topia: di solito siamo nel luogo della ragione, con l’amore bisogna entrare in un’altra dimensione, quella della follia. Che del resto è una dimensione che ci abita sempre ma che di solito noi teniamo a bada con la razionalità”.
    Proprio perché viviamo in tempi di sesso facile, non c’è più il fondamentale processo del desiderio che è quello che costituisce Eros: si ama finché si desidera, finché si sente la mancanza dell’altro, quando l’altro viene raggiunto il desiderio cessa. Il sesso facile provoca l’estinzione del desiderio. Che è il motore rivoluzionario della vita. L’amore è un momento di solitudine, si entra in contatto con la nostra follia ma tramite un altro: la mia parte folle è resa possibile dall’altro. Non si entra negli inferi da soli. Io vedo negli occhi dell’altro il riflesso della mia follia”.

  4. Di lui che cosa amavi ?

    Di lui amavo la semplicità.
    Perché non mi ero accorta che era pieno di furbizia.
    Di lui amavo la genuinità.
    Perché non mi ero accorta che era artefatta.
    Di lui amavo il senso pratico.
    Perché non mi ero accorta che aveva la testa piena di speculazioni vane.

    Ero io ad essere semplice, nella mia variegata complessità,
    io ad essere genuina nella mia assenza di spregiudicatezza,
    io ad essere pratica, col mio voler cercare una soluzione a ogni problema.

    Perdendo lui ho trovato me,
    il mio io più vero e recondito, e quella che sembrava una sconfitta si è rivelata poi una ricchezza.

  5. E….
    I suoi occhi che splendevano d’amore…
    ma era scaltrezza.
    La sua calda presenza costante…
    ma voleva riempire il suo tempo.
    La sua schiettezza…
    ma era solo pretesa e mai data.
    I suoi silenzi sofferti…
    ma erano mancanza di argomenti
    Le sue poesie ispirate…
    ma erano racconti di cronaca.
    Il suo animo dolente…
    ma era un paravento per le assenze.

    Non ci sono vincitori o vinti
    quando è il cuore che soffre
    e le amarezze… le delusioni…
    purtroppo soffocano i sentimenti
    obliano i momenti di gioia
    e rendono estranee le persone
    che ce le fanno provare.

    Hai raccolto la tua anima…
    l’hai guardata…
    hai visto quanto è bella e sei andata oltre…
    hai imparato ad amarla.
    Una dedica che era un’augurio ed è diventata realtà!

    Bricciole di noi

  6. Considerazioni davvero molto lucide e razionali nel tuo commento…
    aggiungerei che anche il vivere momenti in cui la superficialità…
    l’effimero, sono delle costanti, trovare profondità in un sentimento
    è la massima aspirazione dei più e si tende a materializzarla nell’altro
    e questo diventa parte di un arcobaleno di stati d’animo.
    Il desiderio e il sesso sono colori fondamentali dell’amore ma non gli unici.

    Mi è tornato alla mente Orfeo, l’uomo che avendo perso l’amata
    scende negli inferi per riportarla alla vita,
    ma quando è quasi riuscito nel suo intento…
    si volta… guarda e…
    la perde per sempre perchè ha dubitato della divinità.

    Bricciole per Marycla

  7. AAAAAAAAAAAAAAAAA
    non sai quanto sento questo post …….davvero moltissimo.

    Beh di piccole fughe ne faccio parecchie ,ma io parlo proprio di fuga dal peso delle cose ,ma la vita è fatta di scelte …io ho scelto di essere madre ……il resto viene da se 🙂
    Comunque se sei in zona ti faccio un fischio ,ci divertiamo !!!!!

    grazie
    a presto
    baci
    kicca

  8. Grazie per essere passata dal mi blog. Mi ha fatto molto piacere il tuo commento e con un pizzico di sorpresa ho ritrovato un po’ di me anche nel tuo post. Ho pensato a quanto breve è il tempo che posso passare con la persona che amo (o che amerò… chissà) e allora penso alle mie piccole radici, a quanto sia importante per me che la mia personale lastra di ghiaccio su cui giaccio ormai da circa un ventennio mi stia dando la possibilità di affondarvele per nutrirmi.

    P.S.
    Ah, anche se non mi conosci con il tuo commento era più esatto di quanto tu possa immaginare. Grazie ancora.

  9. Le parole non hanno voce
    quando un cuore sente l’anima vivere….
    Quando una follia ti lega l’anima…
    e ti fa volare in alto..
    Amare è follia allo stato puro,
    un brivido…
    un attimo….quel sogno che ti accompagna anche ad occhi aperti…

    Grazie del tuo sussurro e spero non resti isolato…

    Un dolce sorriso per te…
    (¯`¤ღ *BacioAnima*ღ¤´¯)

  10. …raccogli gocce per averne il succo…inconfondibile sapore intimo, sconosciuto se non al cuore che saggia certi sapori e li incorpora, vivendo di essi. Non c’è scorrere di un tempo quando occhi complici si incontrano ed incrociano le loro vite, le loro pulsazioni, il loro stesso iride..per guardar bene dentro…toccare…assaporando, conoscendo il gusto…di tenerezze e silenzi. Tutto si espande e diventa eterno…solo in un attimo. Di te…e della tua passione…

    Notte…bricciole…

Lascia un commento