Onda

 

 


 

Onda%201.jpg

 


 



Un movimento incessante

energia pura

che si autogenera

e rinnovandosi si impone





 

Onda%202.jpg

 




urtando con forza sulle sponde

infrangendosi con fragore

e ritirandosi con pretesa

toglie qualcosa da me


 



 

Onda%203.jpg

 




lasciando

quel che resta

spossato

inadeguatamente immobile

in un’attesa impossibile

di essere

onda


 



 

Onda%204.jpg

 




B.


 



 

Onda%205.jpg

 

 




Essere o non essere, questo è il problema: se sia più nobile d’animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna, o prender l’armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. Morire, dormire, nulla di più, e con un sonno dirsi che poniamo fine al cordoglio e alle infinite miserie naturale retaggio della carne, è soluzione da accogliere a mani giunte.
Morire, dormire, sognare forse: ma qui é l’ostacolo, quali sogni possano assalirci in quel sonno di morte quando siamo già sdipanati dal groviglio mortale, ci trattiene: é la remora questa che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.
Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gli insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell’uomo borioso, le angosce del respinto amore, gli indugi della legge, la tracotanza dei grandi, i calci in faccia che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto
con due dita di pugnale? Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una vita stracca, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte, la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore, a sgomentare la nostra volontà e
a persuaderci di sopportare i nostri mali piuttosto che correre in cerca d’altri che non conosciamo? Così ci fa vigliacchi la coscienza; così l’incarnato naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo sono distratte dal loro naturale corso:
e dell’azione perdono anche il nome…

W. S.

 

 

 

 

 

 

Onda%206.jpg

 

 

 

 


Ondaultima modifica: 2010-09-29T02:35:00+00:00da bricciole
Reposta per primo quest’articolo

35 pensieri su “Onda

  1. Beh! …intanto, parlando di Amleto…
    il suo “essere o non essere”
    non era inteso in significati profondissimi:
    Amleto si poneva la domanda se essere sé stesso
    principe di Danimarca e
    quasi certamente
    fare la fine del padre (essere assassinato)
    oppure non essere sé stesso…
    fingendosi pazzo e
    dunque, avere maggiori possibilità di vivere ed avere
    così
    il tempo di vendicare il Re
    suo padre.
    Diversamente
    “essere o non essere”
    per me è il dilemma della vita per eccellenza
    vivere o non vivere
    osare o non osare
    fare questo o no…
    fare quello o no…
    però…
    ogni volta che ci poniamo questo umano dilemma
    stiamo cedendo alla nostra insicurezza
    stiamo vivendo con prudenza
    con raziocinio
    con calcolo
    Non dico che sia male questo
    Non sono un irresponsabile… Però
    che vita è se ogni tanto non lanciamo in alto una moneta
    per vedere se è testa o croce?
    Nel coro delle ragioni che ci rendono incapaci di decidere
    a volte
    c’è sempre qualcosa che ci dice
    “SI!” ed un’altra che dice “NO!”
    quando poi passiamo all’azione
    stiamo ancora chiedendoci se sia giusto così o no….
    Alla fine
    è come se avessimo lanciato quella moneta
    e nel frattempo abbiamo vissuto male
    Quindi trovo che essere
    sia accorgersi del soffio del vento
    e del sorriso di un bambino
    Non essere
    significa camminare a testa bassa
    per paura di incrociare lo sguardo di chi incontriamo
    non dare un bacio a chi amiamo perché siamo stanchi
    non spiegare le nuvole ai bambini…
    Finché ascolti il tuo cuore e fai di tutto per essere felice
    sei tu a condurre il gioco
    con le regole che tu stessa ti sei data
    ………………………………………………
    Credo di essermi un pò dilungata nel commento
    ma è colpa di quella moneta lanciata in alto
    …Da donna a Donna
    un Silente abbraccio

  2. Uhmm… le onde… più o meno frangenti… fanno parte del mio DNA… della mia serena (a volte mica tanto!) inquietudine…

    Conosco la sensazione di spossatezza…di svilimento…

    Vado a mare… spero che il suo odore possa calmarmi, rasserenarmi, farmi essere quella che veramente sono!

    Ti abbraccio forte forte!!

  3. Ciao Bri ,anzitutto voglio dirti che questo post mi piace particolarmente ,mi ci ritrovo molto nei moti perpetui 🙂

    Per il resto …non vi fidate mai…i miei umori sono sempre imprevedibili …..non si puo’ mai fare un prospetto a lunga scadenza …io sono una della serie : un giorno
    nelle polvere e uno sull’altare .
    ma mi piace cosi ,almeno non mi annoio !!!! 😉

    bacione
    a presto
    kicca

  4. ciao bricioletta….la foto conclusiva del post è fenomenale….meglio voltare il lato b…a chi ci vuol male o vorrebbe renderci schiave inerti……e riservare il lato V per quelli che ci sorridono
    …..:-)))))
    sei forte….anzi profonda….
    …..:-))))
    un abbraccio carissima e buon week end di vita e sole che scacciano dilemmi amletici
    …..
    ciao
    dif

  5. SI , SONO ANCORA IO ……..
    .
    TI RIPORTO LA RISPOSTA AL TUO CORTESE COMMENTO .
    .
    X BRICCIOLE DI ME .
    .
    GRAZIE DEL COMMENTO , MOLTO GRADITO .
    .
    HAI CENTRATO IL PROBLEMA , ……………… IL PROBLEMA SI CHIAMA < LA SCOMPA DEI FATTI >………….
    .
    SI INVENTANO I PROBLEMI , FINTI , CON UNA REGIA ED UN COPIONE , CONCORDATO , PER NASCONDARE I VERI PROBLEMI .
    .
    LA COSA CHE MI DISPIACE , E’ CHE C’E’ STATO CHI HA CREDUTO , CHE FINI POTESSE FARE ……………………….. PECCATO ………. PER LORO , CHE NON HANNO VOLUTO VEDERE .
    .

    UN GRANDISSIMO SALUTO A TE .

    Scritto da : IL CORVO | 01/10/2010

  6. come onde la nostra energia ci attraversa…
    viene e va lasciandoci felici o disperati….
    saremo veramente capaci un giorno
    di sovrastarle
    restando aggrappati
    ai nostri miseri pezzetti di legno….
    non lo so
    non resta altro da fare
    che buttarsi e aspettare…

    la prossima onda….

    un abbraccio per te dolce amica
    m_

  7. ciao Briccioleeeeeeeee dolceeeeeeeeeeee
    sono tornato dalle ferie, tutto ok, bellissimo posto, mi sn rilassato e abbronzato (ci voleva) davvero bello questo post, e molto bello l’elogio all’onda, penso ke gli elementi (acqua, aria, terra, fuoco) possano darci sempre qualkosa e farci provare qualkosa, tutto sta nei nostri sensi e in come noi li percepiamo. Una dolce notte amica mia

    Marco

  8. per risponderti da me….

    …proprio per quella natura che mi appartiene e che ribolle nella ricerca di quei cambiamenti che non dipendono esclusivamente da te…proseguendo in un cammino di definizioni che rappresentano la spiegatura di una vita in costruzione…sostengo il cammino mai semplice e scontato… ma sempre nuovo e da analizzare. E questo…è vero, non riguarda più il passato ma i giorni a venire, tutti da incastonare nel tempo che viene per permetterci di essere vissuto.

    …il senso è stato colto…

    Buona giornata…

    ………………………………Uomo

    .

  9. ESSERE O NON ESSERE ……………… CAPACI DI GUARDARSI DENTRO , CON ONESTA’ E CON L’ UMILTA’ , DI CHI VUOLE VERAMENTE CONOSCERSI , PER MIGLIORARSI .
    .
    L’ ONDA NASCE DA LOTANO , VIENE CARICATA DAL VENTO ………… E VIAGGIA IN SILENZIO …………. AUMENTA DI VOLUME E QUANDO ARRIVA IMPETUOSA , SI INFRANGE IN MODO RUMOROSO ………. GENERANDO ENERGIA E RISACCA .
    .
    L’ ONDA E’ LA VITA DEL MARE ………. LA VITA CHE ESPLODE .
    .

    BEI VERSI HAI SCRITTO , MI FANNO VENIRE IN MENTE UN SACCO DI COSE .
    .
    MI FERMO , POTREI ANNOIARE .
    .
    UN GRANDISSIMO SALUTO BRI .

  10. L’infrangersi deflagra in un boato
    che silenziosamente esplode
    polverizzando la forza
    prima espressa in …consistenza

    ..

    come l’urto…
    che senza le stesse pretese
    eppure con dovizia di
    avidità…di Te
    ha permesso il nostro Incontro.

    ….dolcissima serata

    ……………………….Uomo

    .

  11. Ciao Bricciole…..siamo tutti onde, anche quando pensiamo di essere immobili….Capita pure al mare, infatti quando tutti lo vediamo come una tavola in superficie, lui sotto é in movimento attraversato dai pesci, abitato da tutto quello che abita il suo fondale….
    Ti auguro un sereno w.e.
    un abbraccio da mare a mare…

Lascia un commento