E’ tempo…

 

 

 

 

E%27%20tempo....jpg

 

 

 

 

Come un tappeto d’ombra

solcato da vene gonfie di linfa rossa

pagine di pensieri

aggrovigliati nella mente

che si dipanano

mentre le dita li sciolgono

delicatamente

vergate con inchiostro colorato

che profuma di ogni sentimento

brani che sento ancora miei

parole che sono state doni

e che hanno scaldato il cuore

in momenti in cui il gelo lo soffocava

ricordi

tanti ricordi

e quanti amici trovati

e quanti persi per strada

 

 

C’è stato il tempo della conoscenza

quello dell’amarezza

della gioia

della solidarietà

e un tempo di parole trattenute

quando si impigliavano nei denti

e respirando quasi soffocavano

 

 

Non scordo i sorrisi complici

e le lacrime condivise

emozioni profonde

che hanno lasciato tracce indelebili

e vibrano fra queste pareti

 

 

Non ho cercato parole

le ho fedelmente copiate

erano lì

pronte per me

espressione dei miei pensieri

 

 

E poi è venuto il tempo del dolore grande

preannunciato come inevitabile

e atteso nella sua ineluttabilità

che ha seccato la gola

intorpidito le dita

e frastornato la mente

ed è stato silenzio

 

 

Ma c’è un tempo nuovo

trasportato da un alito di vento

che si insinua fra le corde più profonde

e ne produce musica

e io mi lascio invadere

 

 

 

 

 

BriCciole di Me

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ tempo…ultima modifica: 2012-07-17T02:02:13+00:00da bricciole
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “E’ tempo…

  1. E’ bello potersi emozionare e commuoversi di fronte ai pensieri letti di un’amica … bellisime queste righe
    non sò cosa sia accaduto oggi, ma dopo tanto ho buttato fuori pensieri che trattenevo dentro e che con una violenza inaudita sono usciti senza riuscire a controllare il battito delle dita su una tastiera una volta amica …
    Un caro abbraccio Bri
    Un’amica

  2. Ti faccio dono di un dialogo tratto dal film LA LEGGENDA DI BAGGER VANCE… traine quello di cui hai più bisogno…

    Rannulph Junah: …tu non capisci…
    Bagger Vance: Non ho bisogno di capire… non c’è un’anima su tutta la terra che non possa portare un fardello più grande di quanto non possa sopportare, non sei il solo… però questo l’hai portato abbastanza a lungo… è tempo di andare avanti e liberarsene…
    Rannulph Junah: …non so come…
    Bagger Vance: Puoi scegliere… fermarti……o cominciare…
    Rannulph Junah: A fare cosa?
    Bagger Vance: A camminare…
    Rannulph Junah: Dove?
    Bagger Vance: Per tornare indietro, dove sei sempre stato, e poi stare lì…fermo… immobile… e ricordare…
    Rannulph Junah: …è successo troppo tempo fa…
    Bagger Vance: Oh no signore, è stato solo un momento fa… è tempo di uscire dalle ombre, Junah… è tempo per te di scegliere….
    Rannulph Junah: ……non posso…
    Bagger Vance: Sì che puoi, e non sei solo… insieme a te ci sono io… sono sempre stato qui… adesso gioca… il tuo gioco… quello che soltanto tu eri destinato a giocare… quello che ti è stato donato quando sei venuto al mondo…

  3. L’invasione della musica nel profondo apre la vista a nuove sensazioni sconosciute altrimenti.
    E le melodie si insinuano
    lì dove trovano la loro sede naturale
    nelle vie che si ritrovano in noi
    e che sanno accogliere quelle note.

    in un ritardo imperdonabile…Grazie BriCciole!

    Uomo

    .

Lascia un commento